Genere

Al tempio di Serapide


Il vento mi ha mutato

come ombra di rose

la mano che le tocca

lungo il sentiero.

Ed essere vorrei

fuoco bracile,

per selve, senza fiamma

se non stata.

Oh autunno elisio,

dammi soltanto

la tua breve pace!


***


Avorio e tenebra,

compagna. Adorna sei

d’un cielo che stemma

nelle vene l’ora

arcangelica. Notte

e aranceto, balaustra

salsa. Lontana, algente,

immota aurora,

ultima fiamma,

temprata corona.



Francesco Nappo
, Genere, Quodlibet 1996


Francesco Nappo è nato a Napoli nel 1949. Insegna Italiano e Storia nelle scuole superiori.


Annunci

Un pensiero riguardo “Genere”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...