Beckett – Compagnia

Imminente sovrasta per un certo periodo ciò che segue. La necessità di compagnia non è costante. Momenti in cui la sua monotonia non è una variante. Intrusione di voce allo stesso modo. In modo analogo immagine dell’ascoltatore. In modo analogo la propria. Rimpianto poi di averle suscitate e problema di come dissolverle. Infine che senso allora la sua monotonia? Quale possibile variante. Lascia perdere. Per adesso.

S. Beckett, Compagnia e Worstward Ho, Jaca Book, 1986