Vito M. Bonito – da Fabula rasa

firmamento o niente

vi sono esseri
su questa terra
che semplicemente
non vogliono morire

o semplicemente
non vi riescono

*

ci sono porte chiuse

ci sono voci
dietro le voci
tra le porte
nei muri

[…]

vediamo il fuoco
nell’acqua

vediamo nascere
morire
morire

vediamo le stelle
finire

*la gabbia si apre
le bambine ci parlano
in ginocchio
nel fuoco

lasciano andare i sangui
le unghie
le piume la pelle

-iddio ci sostiene
anima e ardore

ci conforta l’odore

la luce è perfetta
inizi il dolore-

Vito M.Bonito , Fabula rasa, Oèdipus, collana Croma K, 2018

Rosaria Lo Russo – da Controlli – Il canto di Hāfez

 


“Il canto di Hāfez”
(estratto) in
“Controlli” di Rosaria Lo Russo e Daniele Vergni (libro + DVD, edizioni Mille Gru, 2016

 

 

Guido Mazzoni – da La pura superficie

II
1. Stevens

La palma alla fine  della mente,
oltre l’ultimo pensiero, in un décor di bronzo.
Un uccello dalla piume d’oro
canta nella palma, senza senso
o sentimento umano, un canto alieno.

Allora lo sai che non è la ragione
a farci felici o infelici.
L’uccello canta, le piume splendono, la palma svetta
al bordo dello spazio, lentamente
il vento si muove tra i rami. Piene di fuoco pendono le piume.

Guido Mazzoni, La pura superficie, Donzelli Poesia, 2017